Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità definita. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 (Legge Urbani).
Copyright © 2012 Fabbri Leo - Tutti i diritti riservati.
CONSUMO AUTO CON FARI ACCESI
© by Vittorio Crapella - i2viu


Prendiamo in esame un'auto con una potenza massima di 50KW e ipotizziamo, credo abbastanza verosimilmente, che consumi mediamente 1/3 cioè 16KW. Considerando una velocità media di 50Km/h ne deriva che in un'ora ha percorso 50Km consumando 16KW. Se l'auto consuma 1 litro di benzina ogni 14 Km significa che ci vogliono circa 3,5 litri di benzina per avere 16KW/h il che significa

Se ora accendiamo i fari dell'auto ipotizzando 40W+40W per i fari anteriori e 5W+5W per quelli posteriori, si avranno circa 90W minimo in più di consumo. Si può dunque affermare che, accendere i fari dell'auto mediamente comporta un aumento nel consumo pari a 0,2 x 90 = 18 ml (milli litri) di benzina in più rispetto a quando i fari sono spenti. Il che equivale a  (milli litri per Km)
Un auto che percorre 10.000 Km all'anno avrà consumato 3,6 litri di benzina per tenere le luci accese.
Pur considerando che un 15% dei Km si farebbero comunque in condizioni di buio con luci accese, rimarrebbero sempre 3 litri di benzina che si consumano per tenere le luci accese di giorno. E non ho tenuto conto del consumo quando la macchina é ferma in colonna.
Si potrebbe anche affermare che 3 litri su 700 o poco più, il 2 per mille del consumo annuo é un'inezia ma moltiplicate per il totale di auto in circolazione in Europa e immaginate quanti litri di benzina bruciati per fare luce in pieno giorno.
Siamo certi che il "gioco vale la candela" oppure non c'é gioco ma solo candela per qualcuno?
Altri esperti mi dicono che sono stato troppo basso nelle mie ipotesi, in realtà affermano che mediamente le lampade sono di wattaggio maggiore e tenendo conto anche del rendimento dell'alternatore si può tranquillamente arrivare a 170 W ed oltre rispetto ai 90 W da me ipotizzati.

Altro calcolo di IW5ACP

Auto di riferimento: FIAT Croma 2000 cc.

Potenza elettrica installata:
2 anabbaglianti 45 W cad. -..---------- 90 W
4 luci di posizione 25 W cad. ------- 100 W
8 luci cruscotto 10 W cad. ------------ 80 W
5 lampade servizi interni 10 W cad. 50 W

Totale potenza elettrica installata: 320 W

Rendimento medio di un alternatore auto: 0,7
(rendimento = potenza elettrica erogata : potenza meccanica assorbita )

Potenza meccanica assorbita dall’alternatore:

320X(1:0,7) = 457 W = 0,62 CV
( W = Watt CV = cavallo vapore metrico 1 CV = 735,4 W )

Trasformazione della potenza meccanica assorbita dall’alternatore da Watt a BTU / secondo:

( 1 BTU / sec = 1055 Joule / sec )  ( 1 Joule / sec = 1 Watt )

Segue : 457 W = 0,433 BTU / sec

MOTORE A BENZINA
Potenza calorica media della benzina : 1 litro di benzina = 36,1 MJ  cioè 34000 BTU / litro
Rendimento medio motore 4 tempi a benzina: 0,37
Potenza calorica assorbita equivalente alla potenza meccanica assorbita dall’alternatore:

0,433 X ( 1 : 0,37 ) = 1,170 BTU / sec
Consumo in litri / secondo:
1,170 X ( 1 : 34000 ) = 0,0344 millilitri / sec

Per una ora ( 1 ora = 3600 sec )
0,0344 x 10 -3 x 3600 = 0,1238 litri / ora

MOTORE DIESEL
Potenza calorica media del gasolio : 1 litro gasolio = 42,7 MJ cioè 40000 BTU / litro
Rendimento medio motore Diesel : 0,52
Potenza calorica assorbita equivalente alla potenza meccanica assorbita dall’alternatore:

0,433 X ( 1: 0,52 ) = 0,833 BTU / sec
Consumo in litri / secondo:

0,833 X ( 1 : 40000 ) = 0,02 milli litri / sec

Per una ora: 0,02 x 10 -3 x 3600 = 0,075  litri / ora

Ultima considerazione:

Le luci accese servono solo per portare dei soldini in più ai petrolieri, e in caso di dimenticanza anche ai vari enti (multe).

La cosa è anche peggio!! Alcune auto hanno fari più potenti circa 150 W.
Considerando un rendimento dell'alternatore + regolatore dell'85%, la potenza meccanica per trascinare l'alternatore, quella prelevata dal motore termico, è di circa 150/0,85 =176,47 W che per 10 ore corrispondono a 1,7647 kW/h oppure 185.882 J.

Tale energia viene prelevata dal carburante, es. benzina con potere calorifero inferiore di 42 MJ/kg. Questo bruciando produce energia meccanica, ma col motore a scoppio con rendimento del 20% circa. Pertanto per fornire un'energia di 185.882 J se ne devono prelevare circa 185.882/0,2 = 529.410 J. che sono 0,53 MJ.

Quindi per 10 ore di funzionamento consumo 0,53/42 = 0,0127 kg.
Essendo la densità della benzina verde, alla temperatura di 15° pari a circa 0,730 kg/lt il consumo espresso in litri è 0,0127/0,730 = 0,17 litri che al costo di circa 1,38  /lt corrisponde ad un costo netto di 0,17 x 1,38 = 0,235 euro cioè 23,5 centesimi. (per 10 ore di uso).

Anche considerando le utime novità tecniche dei fari, vedi quelli di posizione a led. Il consumo e l'inquinamento prodotto forse dal punto di vista del' automobilista, non vale la candela.